Il Franchising

Il franchising italiano ha una data di nascita precisa, 18 settembre 1970, quando un’azienda della grande distribuzione, la Gamma d.i., inaugurò a Fiorenzuola d’Adda il primo di 55 punti vendita gestiti da una decina d’affiliati.

La Gamma d.i., poi assorbita da Standa, offriva ai propri affiliati alcuni servizi quali sopralluogo da parte dei propri funzionari; progettazione ed assistenza tecnica per l’allestimento del magazzino, istruzioni per il personale direttivo e per quello di vendita, allestimento commerciale dell’unità di vendita, assistenza per il lancio di apertura e l’inaugurazione dell’unità. Il tutto a fronte della disponibilità di un locale di vendita di almeno 350 mq, una licenza di magazzino unico e di un capitale di 25-30 milioni di lire.

Nel tempo la sostanza non è cambiata. Il franchising, o affiliazione commerciale è rimasto una formula contrattuale per la distribuzione di beni o servizi fra un imprenditore, affiliante o franchisor, e uno o più imprenditori, affiliati o franchisee, giuridicamente ed economicamente indipendenti l’uno dall'altro.

L'affiliante concede all'affiliato l'utilizzazione della propria formula commerciale, comprensiva del diritto di sfruttare il suo know-how (l'insieme delle tecniche e delle conoscenze necessarie) ed i propri marchi e segni distintivi, unitamente ad altre prestazioni e forme di assistenza che permettono al franchisee la gestione della propria attività con la medesima immagine del franchisor.

Tre quindi sono le parole chiave:

diagramma

Capire bene il valore, la sostanza e l’incessante lavoro del franchisor attorno a questi tre elementi permette di avere una prima lettura significativa sulla bontà o meno di un’azienda e quindi capire come e se decidere di aprire in franchising con essa.

La formula del franchising riesce a far convivere l’organizzazione aziendale delle imprese franchisor e la flessibilità dei franchisee riducendo il rischio d’impresa. Come? Ecco due spunti:

  1. Grazie alla sperimentazione del business concept del franchisor sul mercato. Importantissimo. Il test deve avvenire per almeno un anno e il format testato è uno solo. Non si può aprire qualcosa di diverso in franchising facendo valore esperienza non sperimentata sul campo.
  2. Economie di scala. Tutti i franchisee insieme possono comprare a condizioni migliori e ad un minor costo rispetto ad un business individuale

Ma che sia un franchising ultradecennale o un’azienda che sfrutta il business del momento, dopo averlo sperimentato, il consiglio per Assofranchising è uno solo: leggere, informarsi, guardare alla legge del 2004, confrontarsi con altri affiliati della stessa rete. Il franchisor migliore dal quale partire è quello che non nasconde il suo business e che sa rispondere alle esigenze di chiarezza di un potenziale affiliato.

E per saperne di più può quindi essere utile anche dare un’occhiata alle parole più ricorrenti del franchising:

Leggi e normative

Legge 129/2004 – “Norme per la disciplina dell’affiliazione commerciale"

La legge n. 129 del 6 maggio 2004, ha colmato un vuoto legislativo di oltre 30 anni, definendo il contratto di franchising, fissandone il contenuto e la durata minimi, gli obblighi delle parti e le sanzioni in caso di informazioni false fornite dalle parti in fase di trattative precontrattuali

LA LEGGE 129/2004

Decreto 204/2005 – “Regolamento recante norme per la disciplina dell’affiliazione commerciale”
Regolamento UE 330/2010

Dati e statistiche

Dati Assofranchising 2018 in collaborazione con l'Osservatorio Permanente sul Franchising

0
Franchisor
0
Giro d'affari (mln €)
0
Punti vendita affiliati
0
Addetti occupati

Suddivisione merceologica dei Franchisor

Il grafico indica la suddivisione per macrosettori merceologici dei franchisor:

  • Abbigliamento. 189 reti attive, in calo del -2,6% rispetto al 2016, di cui più del 30% sono localizzate nell’Area Nielsen 1 Nord-Ovest, seguita dall’Area 4 Sud (25%), Area 2 Nord-Est (22%), Area 3 Centro (17%) e Reti Estere (3%).
  • Servizi. Nel 2017 questo è il settore che maggiormente ha mostrato fragilità nella competitività sul mercato del franchising, si registra infatti una diminuzione nel numero di reti attive pari al -10,7% (-26 unità). Il settore costituisce comunque il 23,4% del totale delle insegne in Italia.
  • Commercio specializzato. Lieve flessione (-2,5%), con un totale di 117 reti attive rispetto alle 120 del 2016. Rappresenta una quota del 12,6 %.
  • Ristorazione. Aumentano di 9 unità le reti attive, un incremento del +5,8%. Questo settore è il terzo nella suddivisione merceologica dei franchisor (17,5%).
  • Beauty, cura e benessere della persona. Crescita rispetto ai periodi precedenti (+4,8%), seguendo i trend del mercato.
  • Casa. Diminuzione del -2,2%, riducendosi di una unità (44 reti attive nel territorio nazionale). Contribuisce nella misura del 4,7% nella suddivisione merceologica.
  • GDO. +7,3% di reti attive in Italia. La grande distribuzione organizzata rappresenta solo una piccola porzione rispetto al totale del sistema franchising (4,7%), eppure è il settore che maggiormente incide sul fatturato totale (38%)

Fasce d'età dei Franchisee

L'89,2% dei Franchisee ha un'età compresa tra i 25 e i 45 anni.
Lo 0,4% tra i 18 e i 24 anni.

Profilo del Franchisee: Uomini/Donne

Diminuisce rispetto ai periodi precedenti l’imprenditoria femminile nel sistema franchising, nello specifico in calo del 2,4%. La percentuale rimane però sempre di molto superiore rispetto al dato nazionale delle attività produttive a conduzione femminile, che si attesta al 21,9%.

Uomini - 64,4%
Donne - 35,6 %

Suddivisione per Regione dei Punti Vendita

I dati confermano il primato regionale nel numero di punti vendita in franchising alla Lombardia (8.523).

Vuoi ricevere la tua copia gratuita del Rapporto Assofranchising 2018? 
Inserisci il tuo nome
Inserisci la tua mail L'indirizzo mail non è valido

Search