Rapporto Assofranchising 2018: disponibile la ricerca completa

24,545 miliardi di euro, quasi 200.000 addetti, export in crescita esponenziale. Dal Rapporto Assofranchising Italia il 2017 si attesta come l’anno dei record, con la crescita al Sud e le opportunità per giovani e donne tra i principali indicatori positivi.

Il franchising si conferma un settore sempre più in crescita e appetibile anche per i più giovani che si affacciano per la prima volta al mondo del lavoro – ha dichiarato Italo Bussoli, Presidente di Assofranchising -. Crescono gli imprenditori e gli addetti al settore. Col sistema franchising si riduce notevolmente il rischio di impresa, e gli investimenti iniziali sono in molti casi estremamente competitivi. Affiliarsi a un gruppo già affermato permette anche a chi è alle prime armi di acquisire un know-how di rilievo, in questo modo in breve tempo si impara un mestiere, rimanendo però imprenditori di sé stessi”.

Le 929 insegne oggi attive in Italia crescono in termini dii punti vendita in franchising su tutto il territorio nazionale (+1,9%) arrivando a quota 51.671. Il gio d'affari si attesa ad oltre 24,5 miliardi di € (+2,6%). Aprire in franchising significa inoltre aumentare anche l'occupazione. Gli addetti impiegati nel sistema sono infatti 199.260, in crescita del +2,0%rispetto alla passata rilevazione.

Altro dato interessante è quello dei Master delle insegne straniere che scelgono l’Italia per lo sviluppo della propria rete affidando il proprio business a manager, imprese e personale italiano (+16,4%). Aumentano poi in modo significativo i punti vendita di insegne italiane all’estero segnando addirittura un +28,1%. A livello regionale, la Lombardia si conferma l’area in cui sono presenti più insegne (256), seguita dal Lazio (104) e dalla Campania (89).

Il franchising si conferma poi un ottimo trampolino per giovani: il 90% ha infatti un'età compresa tra i 25 e i 45 anni.

 

Scarica la tua copia gratuita

 

Share This

Search